Fuori programma

Esiste uno scarto tra i nostri progetti e la realtà. Tra quello che abbiamo organizzato con dovizia di particolari e quel dettaglio che invece manda all’aria tutti i piani. Possiamo struggerci per questo, cercare invano di capire cosa sia andato storto, distribuire colpe a noi stessi o ad altri oppure accettare il fatto che di fronte alla volontà della Vita le nostre volontà si sgretolino.

E la Vita è proprio lì, è sempre nascosta in tutti gli imprevisti che non ti aspetti. È in quella persona che all’improvviso riesce a sorprenderti, è in quel grattacapo che si rivela la tua salvezza, è in quell’angolo di mondo che trovi dopo aver sbagliato strada.

E quando dopo la delusione, la stanchezza, lo sconforto ci arrendiamo alla fine, lei ha già pronto un nuovo inaspettato inizio per noi. Perché la felicità a dire il vero non dipende quasi mai dai desideri che abbiamo saputo realizzare, piuttosto da ciò che abbiamo ricevuto senza chiedere, ciò di cui avevamo bisogno senza sapere.