Papa Francesco.

Fratelli e sorelle, Buonasera! Da questo momento tutto sembra diverso, tutto è nuovo come il Papa. Sarà l’esperienza secolare ma ancora una volta a San Pietro sono riusciti a stupirci perché, diciamoci la verità, nessuno si aspettava nulla di quanto è successo: dalla fumata bianca alla scelta ricaduta sul cardinal Bergoglio, per non parlare del nome, Francesco, tanto semplice quanto dirompente. Anche la piazza gremita è rimasta sconcertata quando ha sentito il suo nome: Jorge Mario Bergoglio.

Il cardinale di Buenos Aires, argentino ma con i nonni piemontesi, amante del tango e tifoso del San Lorenzo, il cardinale che gira in tonaca e in metropolitana, diplomato in Chimica, laureato in Filosofia. Colui che, quando è stato nominato cardinale, ha chiesto ai suoi di restare in Argentina e risparmiare i soldi del volo. Un uomo diverso, quello che nessuno si aspettava e tutti desideravano.

Quando si è affacciato alla terrazza di San Pietro con quella veste senza fronzoli, il crocefisso semplice intorno al collo, il sorriso aperto, quando si è inginocchiato in quel modo così vero e pulito, mentre i cardinali intorno non sapevano che fare, tutti abbiamo capito che una nuova epoca per la Chiesa era iniziata.

Lo sono andati a prendere quasi alla fine del mondo. E subito quella preghiera, il passaggio di testimone da un pontefice all’altro, mai visto prima. Papa Francesco è stato dirompente, l’unico ad aver aperto il proprio pontificato con la preghiera, spazzando via secoli di ampollosità, portando un silenzio incredibile in una piazza fino ad un attimo prima in subbuglio. In questi giorni siamo testimoni di qualcosa che prima non c’è mai stato. Un Papa così non c’era mai stato: uno che al suo popolo, prima della benedizione, chiede ancora una volta di pregare ma questa volta per lui, ricordando al mondo intero che la vera Chiesa è fatta dalle persone.

Ci vediamo presto. Buonanotte. Si è infine congedato. Come un amico, un uomo qualunque che assieme alla sua gente ha iniziato a scrivere una pagina inedita della storia.

4 Replies to “Papa Francesco.”

  1. è un articolo bellissimo ma quel che non è stato detto è che.. non solo nella piazza ma anche nelle case ci si è fermati ad osservare un Papa dal viso tanto dolce quanto amabile per modi e parole.
    Noi eravamo a tavola, pronti ad addentare la nostra cena ma alla sua vista ci siamo fermati, abbiamo pregato con lui ma soprattutto.. da subito lo abbiamo amato!
    Ben arrivato Santo Padre!

    1. Grazie Gabriella per il bel commento. Si è vero, questo Papa è arrivato ad una piazza molto più grande di quella di San Pietro è arrivato al cuore di tutti i cattolici e non solo.

      1. Mi spiace solo che ci siano tante persone che pur credendo in Cristo hanno perso fiducia nella Chiesa e la consideri tutta marcia, una specie di covo per pedofili, ma non è così.
        Ci sono i pedofili (ai quali imporrei la castrazione fisica e non chimica) e sante persone come il mio parroco che non si risparmia per cercare di aiutare i più bisognosi.
        Mi auguro.. e credo sia un pensiero condiviso da molti, che questo Papa ripulisca un po’ la Chiesa.. perché c’è tanta spazzatura ma anche tanta speranza e lui ha alimentato la fiamma di speranza di ciascuno di noi con un semplice e umile sguardo.

        1. Sono pienamente d’accordo con te. Spiace molto anche a me che in quest’occasione qualcuno non perda tempo per sparare a zero sulla Chiesa che, ha sì tante mancanze e mele marce al suo interno, ma non dobbiamo dimenticare il messaggio morale che da secoli, nonostante tutto, porta avanti tra spirito di apertura e conservazione. Penso anche io che una persona così abbia riacceso la speranza di molti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *