Incontro

Tutto sembra avere inizio con un incontro. Un attimo che lì per lì resta incompreso, incompiuto. Pare fluttuare, quel momento, tra la leggerezza vibrante del sogno e l’incessante, accogliente fluire della realtà. In un giorno atteso e distratto, capace di mutare il senso a tutti gli altri, l’anima ritrova se stessa.

Quell’anima rimasta incompleta fin quando non ha trovato, per vivere, un altro cuore come il suo. Un cuore che battesse e gioisse della sua stessa melodia. Un altro cuore che sembrava essere stato scolpito per contenere il suo, per proteggerlo, per nutrirlo. Un incontro incantevole e indomabile di due corpi che si specchiano, si confondono, si completano l’uno nell’altro.

Come se gli occhi dell’altro servissero per vedere con i propri occhi qualcosa mai visto prima, come se anche i propri pensieri potessero essere detti con la voce dell’altro e il suo corpo diventare l’estensione del nostro. Come a fondersi insieme, senza inizio né fine. Due corpi che non possono vivere senza incontrarsi, diventano un solo corpo di carne viva, pulsante e conservano in loro l’eterno focolare dell’esistenza.

Esserci stati, insieme. Eternamente anime, abbracciate, pensate insieme. Anime che hanno saputo trovarsi e riconoscersi. Il tempo svela il senso di ogni incontro. Che tutto rende più comprensibile e irrinunciabile diventa il bisogno che ne avevamo. La sete deliziosa  di due anime che dimorano in sol corpo e si stringono, si desiderano in un tempo fermo e indissolubile.

2 Replies to “Incontro”

  1. “Il tempo svela il senso di ogni incontro … La sete deliziosa di due anime che dimorano in sol corpo e si stringono, si desiderano in un tempo fermo e indissolubile.”. Davvero belle queste affermazioni. Mi ci ritrovo pienamente, complimenti 🙂

    1. Grazie 😀 Mi fa piacere scrivere e sapere di riuscire ad interpretare anche le sensazioni di altri. Grazie 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *