Il potere in un abbraccio

In questi ultimi giorni a tenere banco su tutti i media nazionali è stata la visita del presidente cinese Xi Jinping che, accompagnato dalla moglie Peng Liyuan, è stato ricevuto dalle più alte cariche dello Stato. E così, mentre politici e istituzioni sono stati occupati a discutere di strategie commerciali e a firmare patti relativi alla nuova Via della Seta, seguendo un cerimoniale che, vista l’esclusività dell’interlocutore, non ha lasciato il minimo spiraglio all’improvvisazione, c’è chi invece al protocollo non ha badato affatto.

Lui si chiama Antonio Tancredi Cadili, un piccolo puparo di otto anni che sabato scorso nella Torre Pisana di Palazzo Reale si è esibito in un eccezionale spettacolo di pupi di fronte al presidente e consorte in visita a Palermo.

Finita la rappresentazione, il bimbo si è avvicinato ai coniugi visibilmente stupiti dall’innato talento del piccolo puparo che, con altrettanta naturalezza, ha poi abbracciato il prestigioso ospite. Uno degli uomini più potenti e temuti al mondo di fronte alla spontaneità del bambino non ha potuto fare a meno di infrangere il protocollo, ma non solo: Xi Jinping infatti ha personalmente invitato Antonio in Cina dove esistono già degli spettacoli simili a quelli dei suoi pupi.

Tutti sappiamo che la diplomazia internazionale ultimamente non naviga in buone acque ma a volte, come dimostra questa storia, basta un’eccezione, un gesto non calcolato ma più efficace di mille trattati per trasformarla in una cosa semplice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *