Il curriculum degli insuccessi

Apparteniamo ad anni in cui non è prevista la possibilità dell’insuccesso. Di posto non ce n’è per chi non taglia il traguardo in tempo, peggio ancora per coloro che in fondo non ci arrivano proprio. Spesso non basta neanche un curriculum efficace, compilato ad hoc seguendo i consigli elargiti dagli esperti di successo, con tanto di competenze, esperienze, referenze, parole tutte scritte in inglese, che si sa, danno sempre una marcia in più.

Siamo allora condannati ad essere rampanti fuori e frustrati dentro, perché l’apparenza, ci insegnano, va sempre salvata. Siamo tutti in vendita, spinti ad ostentare un packaging accattivante, tutti in fila, ad aspettare di far carriera, esposti sullo scaffale della società. I pezzi fallati, invece, restano ben nascosti, accatastati nel magazzino della nostra verità.

Sarà per questo che suona un po’ bizzarra l’idea che ha avuto un professore dell’Università di Princeton, il quale ha condiviso un curriculum vitae nel quale sono elencati tutti i suoi insuccessi: dagli studi mai pubblicati, agli esami in cui è stato bocciato, fino alle promozioni mai ottenute.

Lo scopo di Johannes Haushofer, questo è il nome del docente di Psicologia dell’Università del New Jersey, è infatti quello di lanciare un messaggio di incoraggiamento alle persone, perché non abbiano paura dei fallimenti. Quasi sempre è la volontà di non arrendersi a decretare il vero successo, come ha spiegato lui stesso: “La maggior parte dei miei progetti non va a buon fine, ma spesso sono fallimenti invisibili, mentre il successo è davanti agli occhi di tutti. L’impressione dall’esterno è che la maggior parte delle cose vadano bene per me, ma non è così”.

Le parole di questo professore controcorrente, ma soprattutto il suo eloquente gesto, sembrano dirci che siamo fatti anche di limiti, i quali non per forza vanno nascosti, ma anzi a renderci ancor più interessanti, sarebbe proprio il coraggio di raccontarli insieme a tutto il resto. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *