Amico a ore

Se vivi nell’epoca de “il-lavoro-non-c’è-inventalo”, non puoi di certo stupirti di fronte all’idea che un ragazzo di nome Takanobu Nishimoto ha trasformato in una professione. Per lui, come accade per quasi tutti quelli si inventano un mestiere che prima non c’era, è cominciato quattro anni fa come un hobby. Il passatempo di questo ragazzo era infatti quello di fare compagnia a chiunque avesse bisogno di qualcuno con cui parlare, con cui essere se stesso, senza alcun timore di essere giudicato, insomma: uno sconosciuto.

E pensare che un tempo c’erano i preti, gli psicologi, ora in Giappone se hai voglia di sfogarti senza imbarazzi, puoi pagare una professionista che al costo di mille yen all’ora (il corrispettivo di otto euro) si offre di ascoltarti. E per quanto possa sembrarvi strano, Takanobu non è il solo a dedicarsi ad una simile professione: egli ha infatti organizzato la sua attività con una rete che conta una sessantina di uomini, i quali coprono le richieste di tutto il paese.

A quanto pare infatti in Giappone negli ultimi tempi si sono moltiplicate le agenzie che offrono questo tipo di servizio. Del resto in un mondo come quello odierno, nel quale ognuno di noi è ossessivamente connesso e inconsapevolmente solo, dove tutti comunicano e nessuno ha voglia di ascoltare, è inevitabile che prima o poi, quando avremo bisogno di parlare, di aprirci senza remore come si fa con un amico, saremo costretti a prenderlo a noleggio.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>